Beni comuni: un manifesto by Ugo Mattei

By Ugo Mattei

Cosa hanno in comune lacqua potabile, una foresta, una piazza, con los angeles salute dei cittadini o i flussi di conoscenza che scorrono nella rete? los angeles risposta è che in tutti i casi si tratta di ‘beni comuni non appropriabili né da privati né dallo Stato. È paradossale che una evidenza così lampante solo da qualche anno concentri lattenzione di un numero crescente di giuristi, filosofi, antropologi, fino a diventare oggetto di un vero e proprio manifesto come questo. Roberto Esposito, los angeles RepubblicaQuesto Manifesto si propone di some distance emergere in piena luce il ‘potenziale rivoluzionario della nozione di ‘beni comuni. Con scrittura chiara e accattivante, Mattei guida il lettore alla scoperta delle different modalità con cui il ‘saccheggio dei beni comuni opera e alla conoscenza dei movimenti più significativi che hanno prefigurato nuovi scenari. Sandro Mezzadra, il manifesto

Show description

Read or Download Beni comuni: un manifesto PDF

Best italian books

La caduta dell'aquila

Uniqueness delle sue vittorie in Gallia e Britannia, Cesare ha passato il Rubicone e marcia su Roma. consistent with impadronirsi della città sarà costretto a combattere contro l. a. sua stessa gente in battaglie che lo porteranno in Grecia, Asia, Egitto, e in cui dimostrerà ancora una volta los angeles sua grandezza. Da un autore bestseller, gli anni decisivi della vita del grande condottiero.

Il canto degli antenati. Le origini della musica, del linguaggio, della mente e del corpo

L'archeologo britannico Steven Mithen parte da un assunto: los angeles propensione a fare musica è uno dei più misteriosi, affascinanti e allo stesso pace trascurati tratti distintivi del genere umano. los angeles letteratura scientifica ha sottovalutato questo campo di studio, definendo l. a. musica come una tecnologia, un prodotto, creato unicamente a scopo ludico e ricreativo, e non come un adattamento selettivo.

Storia della Corea. Dalle origini ai giorni nostri

Docente di Lingua e letteratura coreana, a lungo residente in Estremo Oriente, autore di un libro di introduzione alla lingua coreana e di uno sulla storia della letteratura di quel Paese, Maurizio Riotto ripercorre in questo quantity los angeles storia della Corea. Partendo dalle stesse mitiche origini della nazione coreana, dal territorio e dalla lingua, l'autore dipinge los angeles grande avventura di un popolo di antica civiltà che, occupando da sempre un posto fondamentale nello scacchiere geo-politico dell'Estremo Oriente, contribuì alla formazione di quella cultura giapponese oggi nel mondo ben più conosciuta e apprezzata.

Extra info for Beni comuni: un manifesto

Sample text

In effetti, la teoria politica della modernità conferma 1o strettissimo rapporto strutturale fra proprietà ptivata e sovranità statuale ai danni dei beni comuni. Ancora una volta è l'invenzione della territori4lità come principio fondamentale dell'assolutismo giuridico moderno a produrre questo fenomeno. Già abbiam visto come in una società fondata sullo status il principio che più naturalrnente connette l'individuo al diritto sia quello drpersonalità. Uindi- viduo parte integrante e inestricabile di un gruppo porta con sé, ovunque si trovi, il legame identitario giuridicopolitico con quel gruppo.

I-università di Parigi e quella di ^r-i per esempio, nacquero come università di Stato, Torino, rompendo con il modello più antico della libera università medievale. Nelle università di Stato insegnano docenti che sno funzionari dello Stato e che ad esso sono perciò legati da una particolare fedeltà. Questo punto è molto importante nel distinguere I'università bene comune dall'università di Stato, nel senso che quest'ultima, come del resto m'università pivata,può essere vista come un bene comune ma può anche non essedo.

Significa, viceversa, studiare ed elaborare strutture di governo partecipato e autenticamente democratico, capici di attrarre gli amministratori più molvatl, incentivarne il perseguimento di una logica transnazionùe E arriviamo così ad un riepilogo sulla vera rivoluzione culturale necessaria per la declinazione del comune come categoria del politicò e del giuridico' La separazione riduzionlsta fra soggetto e oggetto, tipica della tradizione cartesiana (e scieÀtistica da Galileo in avanti), ha strutturato la filosofia dell'<>, alle cui radici stanno gli appetiti acquisitivi primordiali, che spieganole otigini ed il successo itorico della proprietà privata individuale e dello Stato sovrano territoriale.

Download PDF sample

Rated 4.78 of 5 – based on 9 votes