Crescita e declino. Studi di storia dell'economia romana by Elio Lo Cascio

By Elio Lo Cascio

Show description

Read or Download Crescita e declino. Studi di storia dell'economia romana PDF

Best italian books

La caduta dell'aquila

Strong point delle sue vittorie in Gallia e Britannia, Cesare ha passato il Rubicone e marcia su Roma. consistent with impadronirsi della città sarà costretto a combattere contro los angeles sua stessa gente in battaglie che lo porteranno in Grecia, Asia, Egitto, e in cui dimostrerà ancora una volta los angeles sua grandezza. Da un autore bestseller, gli anni decisivi della vita del grande condottiero.

Il canto degli antenati. Le origini della musica, del linguaggio, della mente e del corpo

L'archeologo britannico Steven Mithen parte da un assunto: l. a. propensione a fare musica è uno dei più misteriosi, affascinanti e allo stesso pace trascurati tratti distintivi del genere umano. los angeles letteratura scientifica ha sottovalutato questo campo di studio, definendo l. a. musica come una tecnologia, un prodotto, creato unicamente a scopo ludico e ricreativo, e non come un adattamento selettivo.

Storia della Corea. Dalle origini ai giorni nostri

Docente di Lingua e letteratura coreana, a lungo residente in Estremo Oriente, autore di un libro di introduzione alla lingua coreana e di uno sulla storia della letteratura di quel Paese, Maurizio Riotto ripercorre in questo quantity l. a. storia della Corea. Partendo dalle stesse mitiche origini della nazione coreana, dal territorio e dalla lingua, l'autore dipinge los angeles grande avventura di un popolo di antica civiltà che, occupando da sempre un posto fondamentale nello scacchiere geo-politico dell'Estremo Oriente, contribuì alla formazione di quella cultura giapponese oggi nel mondo ben più conosciuta e apprezzata.

Extra info for Crescita e declino. Studi di storia dell'economia romana

Sample text

Di) 1997. 5H CII, l', 585 = Roman Statutes, I, 2. 44 CRESCITA E DECLINO assolutamente ovvio il pensare che, a costituire la forza lavoro nei poderi affittati, siano stati in larga misura gli stessi ex piccoli proprietari divenuti affittuari. Così dev' essere accaduto nel caso delle proprietà acquisite dai seguaci di Silla e dai beneficiari delle distribuzioni nelle colonie sillane, che peraltro, come per esempio, a Pompei, non riguardarono solo i beni dei proscritti, ma una ben più cospicua estensione di terreni confiscati.

Varrone comincia col citare due tipi di distinzioni che vengono normalmente fatte, nell'ambito delle res che servono per la coltivazione del fondo: una è quella tra gli homines e gli adminicula hominum; l'altra è quella tra diversi generi di instrumentum: il vocale, cui appartengono (come spesso si dimentica) non solo gli schiavi, citati a mo' di esempio, ma in generale tutti coloro che materialmente coltivano il fondo; il semivocale, come esempio del quale si citano i buoi; e il mutum, come esempio del quale si citano i carri 01.

Le indagini più recenti, in effetti, hanno messo in evidenza la grande varietà di situazioni che si riscontrano fra gli affittuari, il che vuol dire la grande diversità dei modelli di gestione della proprietà presa in affitto. Per un verso, vi sono i grandi affittuari, che possono essere, alla lor volta, o una sorta di "doppione" dei proprietari assenteisti, ovvero una sorta di "middle-men", di imprenditori agricoli, con motivazioni, atteggiamenti e modi di agire non diversi da quelli del proprietario che cura personalmente il suo fondo ai fini del conseguimento di un profitto: in questo senso si potrebbe dire che questi ultimi assolvono, dunque, a una funzione "progressiva".

Download PDF sample

Rated 4.83 of 5 – based on 11 votes